Cosa vedere in Irlanda: percorsi dettagliati per visitare l’Irlanda da soli o in coppia

Pubblicato da Giuseppe Vitagliano il

Cosa vedere in Irlanda e Irlanda del Nord: idee di viaggio per chi va per la prima volta in Irlanda o vuole tornarci

Scoprire l’Irlanda on the road, in solitaria o in compagnia

Irlanda on the road

N59, Derrintin, Co. Mayo

L’Irlanda non è solo Dublino, scogliere e verde, pecore e castelli.
E non è nemmeno solo pioggia e sole che si rincorrono rabbiosamente, nebbia e vento e oceano che tentano di essere un tutt’uno.
L’Irlanda è il groviglio di tutte queste cose, e molte altre, che si legano alla tua anima, creando un intreccio di emozioni e di sensazioni intime che ti innamorano di questa terra.
La durezza del clima, l’asprezza di molta parte del territorio irlandese, la forza che non si può domare del mare, l’imponenza dei venti, hanno creato i paesaggi che ora vediamo e amiamo in Irlanda.
Venire qui e attraversare il paese in lungo e in largo in auto, provoca una quantità incredibile di movimenti dell’anima che, solo ora capisco, sono legati a quanto di più ancestrale e primordiale si può trovare nell’essere umano.

 

L’Irlanda ci riporta a sentire letteralmente la terra, il passato, il chi eravamo prima dell’era che ci sembra di conoscere.
Ci riporta ad un noi stessi più antico e primitivo.
Ecco cosa significa l’Irlanda, perché ce ne innamoriamo, perché vogliamo tornare ancora e ancora.
Viaggiare in Irlanda ti fa sentire perfino più forte, più vivo, più maturo, più autentico.

I migliori posti da vedere in Irlanda nel tuo prossimo viaggio?

Sono stato in Irlanda la prima volta nel 2017 e da allora sono tornato lì altre 4 volte per visitare tutti i meravigliosi paesaggi mozzafiato che ancora avevo visitato le volte precedenti.

Kilkee Cliff Walk IrlandaOgni volta ho organizzato i miei viaggi da solo, davanti a Google Maps e dandomi alcune tappe fisse, poche, progettandoli in modo da avere la libertà spostarmi in auto tra le tappe principali che mi ero prefissato e, durante i tragitti tra l’una e l’altra, potermi fermare ovunque ne avessi voglia per fare fotografie e video: scogliere, spiagge, ruderi non presenti sulle mappe, posti incantevoli e magici ma anche isolati e selvaggi fuori dalle mappe e dai tour convenzionali.

Una vera e propria Irlanda on the road, viaggi a piedi e in auto per godere appieno dell’aria, della bellezza, dell’asprezza di alcuni paesaggi, della maestosità dell’oceano, della vita di piccoli paesi costieri, e tutto il resto, ed è tantissimo, che viaggiare in Irlanda può offrire.

Voglio condividere questi percorsi con voi, in modo che possiate avere una traccia già pronta e un aiuto su come muovervi, dove andare, su cui potrete poi improvvisare per conoscere la vostra Irlanda.

I percorsi che vedrete sono corredati dai link a Google Maps per darvi riferimenti precisi sulle strade da fare, da video e fotografie che io stesso ho realizzato nei posti che descrivo.

Ecco i percorsi che ho fatto e le cose che ho visto in Irlanda:

Irlanda del Nord in 5 giorni

(gli altri sono in preparazione!)

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici:
error0

Giuseppe Vitagliano

Imprenditore, Fotografo, Autore. 1975. Dopo aver fondato uno dei primi Circoli Letterari on-line, nel 2003, nel 2006 sono entrato come investitore in una piccola società di supporto all’IT, in breve tempo, l’ho trasformata in una società di Consulenza e Sviluppo di e-Commerce (Axot – Be Inspired) che è Partner di importanti brand di livello internazionale nei settori Fashion, Travel e Digital Photography. In una strana mattina del 2015, la vita mi ha rinfacciato, senza mezzi termini, che ogni cosa può sfuggire al nostro controllo in ogni momento. Così mi sono trovato ad affrontare un problema di salute che mi ha costretto e convinto a rivalutare e ridefinire le priorità e i valori della mia vita, rielaborare con un punto di vista serio e approfondito tutto quello che avevo fatto fino ad allora, quello che volevo ancora realizzare e quello che avrei voluto realizzare e ancora non avevo fatto. Uno dei miei più resistenti desideri era quello di pubblicare alcuni dei miei scritti (poesie, prose e racconti brevi) e mi resi conto che era giunto il momento di recuperare quella parte di me e portare a compimento quel sogno. Grazie alla spinta che questo desiderio mi ha dato, tra terapie e controlli serrati e cadenzati, sono riuscito a recuperare tutti i miei vecchi appunti, impolverati dal tempo, e, contemporaneamente anche a riprendere a scrivere. Così, dopo un intenso periodo di emotiva e fisica applicazione, sono riuscito i miei quattro libri (formato eBook e Cartaceo), disponibili su Amazon.it: - “Tracciati Emotivi – Andate e ritorni del cuore” (Italiano, Raccolta di Prose e Poesie – 2016) - “Perdenti e Devianti – Percorsi e vie di fuga dell’esistenza” (Italiano, Raccolta di Racconti brevi – 2014) - “Il Teatro della Vita – Appunti di Viaggi” (Italiano, Raccolta di pensieri e annotazioni – 2016) - “Vita in parole – Poesie del tempo” (Italiano, Raccolta di Prose e Poesie – 2016) Una volta affrontati e risolti i problemi di salute che mi avevano fisicamente condizionato in quel periodo e dopo aver portato a compimento il “capitolo scrittura” della mia vita, ho sentito forte il desiderio di cercare e sperimentare una nuova forma creativa di espressione: così ho iniziato a scattare fotografie e realizzare video, prima esplorando luoghi abbandonati e seguendo una mia vecchia passione per l’Urbex (Urban Exploration), poi viaggiando per per fotografare luoghi e paesaggi idealizzati nella mia immaginazione da quando ero un ragazzino (in particolare l’Irlanda e la Scozia) e, infine, sperimentando diversi stili e temi di fotografia. Dal 2016 nelle mie giornate è entrata anche un’altra passione: quella per la corsa, o running, come preferite chiamarlo. Continuo a correre con costanza e perseveranza, indipendentemente dal freddo, dal cado, dalla pioggia e dalla neve: in questi oltre due anni di running ho sicuramente migliorato la mia forza di volontà, dando a me stesso un ulteriore esempio del fatto che essere tenace porta sempre al risultato che ci si è prefissati. Ed è questo, dopo tutto, il messaggio che mi piace ripetermi e ripetere sempre: niente è irraggiungibile e abbiamo l’obbligo di trovare il tempo, la forza e il desiderio di alzarci, guardare più avanti e realizzare ciò che siamo e ciò che siamo nati per essere, in ogni ambito che caratterizza il nostro essere.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *