È legale l’Urbex?

Pubblicato da Giuseppe Vitagliano il

Rispondiamo alla domanda sulla legalità dell’Urbex.

La Legalità dell’esplorazione urbana e di luoghi abbandonati

Parlare dell’esplorazione di luoghi ed edifici abbandonati, e quindi di Urbex affrontare necessariamente il problema della legalità.
L’Urbex è una attività border-line, e per sua stessa natura rischiosa, ma rispettando alcune regole elementari, si può rischiare di meno.

La domanda è quindi: esplorare edifici abbandonati è legale o no?

Gli Urbexer normalmente (purtroppo non tutti) seguono sempre un insieme di regole  e di queste regole la più importante è quella che non si deve toccare, rubare o portare via nulla dai luoghi visitati:
“Porta via solo fotografie, lascia solo le tue impronte”, è infatti il motto degli Urbexer.

E’ legale esplorare edifici abbandonati? È legale l’Urbex?

Ogni nazione ha le sue norme che regolano questo tipo di cose e in alcuni di paesi si rischia davvero più che in altri.
Vediamo, comunque, come funziona in Italia e cosa tenere presente per evitare problemi:

  • La condizione in cui si trova l’edificio abbandonato Se gli accessi sono evidentemente liberi e non chiusi o sigillati e l’edificio è in chiaro stato di abbandono, può sicuramente essere una situazione meno complicata.
  • Naturalmente non è mai una buona idea, perché evidentemente illegale, entrare in un luogo abbandonato forzando porte, finestre o serrature: questo si traduce in una violazione di domicilio privato.
    Il Codice Civile italiano, all’Art. 614, recita:
    “Chiunque s’introduce nell’abitazione altrui, o in un altro luogo di privata dimora, o nelle appartenenze di essi, contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, ovvero vi s’introduce clandestinamente o con l’inganno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.
    Alla stessa pena soggiace chi si trattiene nei detti luoghi contro l’espressa volontà di chi ha il diritto di escluderlo, ovvero vi si trattiene clandestinamente o con inganno.
    Il delitto è punibile a querela della persona offesa.
    La pena è da uno a cinque anni, e si procede d’ufficio, se il fatto è commesso con violenza sulle cose, o alle persone, ovvero se il colpevole è palesemente armato.”
  • La presenza chiara di cartelli di avvertimento e divieto (es.: proprietà privata o divieto di accesso) deve certamente rappresentare un deterrente ad entrare.
  • Cosa NON dovete portato con voi? non portate mai con voi strumenti come coltelli, bastoni o tutto quello che possa essere ritenuto un’arma di offesa.
  • La regola principale degli Urbexer è, come scrivevo nell’articolo “Cos’è l’Urbex?” , “Non prendere niente altro che fotografie e non lasciare niente altro che le impronte dei piedi” ed è anche un aiuto per tutelarsi dal punto di vista legale. Ogni cosa che portate via da un luogo abbandonato, oltre a deturparlo, vi rende colpevoli di furto.
  • Il modo migliore per esplorare edifici abbandonati è richiedere permessi o avvisare le autorità competenti.
  • Se siete sorpresi da qualcuno, dichiarate subito chi siete e che siete lì solo per fotografare: a me è capitato una volta e ho subito mostrato la macchina fotografica con le foto appena fatte e sono stato mandato via con un rimprovero.
Follow by Email
LinkedIn18
Share
Instagram12k
Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici:

Potrebbe interessarti anche...

  • 72
    Ecco una mappa di luoghi abbandonati in Italia: Cos’è l’URBEX? Cosa significa Abandoned Places Exploration? Urbex (o anche Esplorazione Urbana – URBan EXploration) è una attività di esplorazione di luoghi abbandonati (edifici, fabbriche, chiese, case, ville, in generale costruzioni fatte dall'uomo e abbandonate) o anche di esplorazione di luoghi urbani difficilmente accessibili, pericolosi…
    Tags: abbandonati, luoghi, in, è, per, urbex
  • 67
    Il profilo theURBEXcom è una Community di Fotografia Urbex con più di 11k followers (urbex italia). Ogni giorno theURBEXcom pubblica una fotografia selezionata tra tutte quelle che quotidianamente vengono taggate con l’hashtag #theurbexcom: si tratta di fotografie reali di esperienze reali di Urbex Italia ed è questo a rendere questa Community molto seguita. Gli Urbexer…
    Tags: urbex, abbandonati, luoghi, per, è
  • 57
    La guida definitiva per l'Urbex e l'esplorazione di luoghi abbandonati Così hai trovato un nuovo inquietante luogo abbandonato e sei pronto per fare una visita sul posto? che cosa dovresti considerare in termini di sicurezza? Ecco la guida definitiva, passo dopo passo, per una esplorazione in sicurezza! Non esplorare da…
    Tags: per, in, non, è, luoghi, abbandonati, urbex
  • 57
    Il kit del perfetto esploratore Qualunque luogo abbandonato o ad accesso pericoloso che stiate per visitare - fabbriche abbandonate, chiese, ville, metropolitane, tunnel o alberghi - una esperienza di Urbex in posti abbandonati merita ovviamente una pianificazione. Per questo ho preparato un elenco dell'equipaggiamento necessario basilare per andare a realizzare…
    Tags: in, per, è, luoghi, non, si, abbandonati, urbex
  • 51
    Ca 'Scapini, detto anche "il villaggio dei bambini perduti", è una città fantasma dell'Appennino parmense. Un paese abbandonato dove regna il silenzio, interrotto da urla notturne.
    Tags: si, in, non, abbandonati, è, luoghi, urbex, per
  • 50
    Una mappa di luoghi abbandonati in Europa: vuoi scoprire nuovi inquietanti posti abbandonati in tutta Europa? Ecco una mappa di luoghi abbandonati che copre molti stati europei: Cos’è l’URBEX? Cosa significa Abandoned Places Exploration? Urbex (o anche Esplorazione Urbana – URBan EXploration) è una attività di esplorazione di luoghi abbandonati (edifici, fabbriche, chiese,…
    Tags: abbandonati, in, luoghi, è
  • 49
    Una delle motivazioni più importanti che spinge gli Urbexer ad esplorare luoghi abbandonati è il desiderio di portare a casa bellissime fotografie dei luoghi che visitano (su questo tema ho creato da quasi due anni un Hub Fotografico di fotografie di Urbex su Instagram: #theURBEXcom). Puoi scattare foto con il…
    Tags: in, per, è, urbex, luoghi, abbandonati
  • 48
    Cos'è l'URBEX? (contrazione di URBan EXploration) e cos'è l'esplorazione di luoghi abbandonati (Abandoned Places Exploration)? Urbex (o anche Esplorazione Urbana - Urban Exploration) è una attività di esplorazione di luoghi abbandonati (edifici, fabbriche, chiese, case, ville, in generale costruzioni fatte dall'uomo e abbandonate) o anche di esplorazione di luoghi urbani difficilmente…
    Tags: luoghi, per, abbandonati, in, è, urbex, si
  • 46
    La Community Fotografica degli Urbexer Nel 2016, dopo aver per diverso tempo visitato luoghi abbandonati in Italia e all'estero (guarda I video di alcuni dei luoghi abbandonati che ho visitato)  ed essere entrato in contatto con molti altri esploratori di luoghi abbandonati, ho deciso di creare un hub per tutti gli Urbexers…
    Tags: abbandonati, luoghi, in, è, si, per
  • 46
    Cramond Island è un’isola fantasma nella Scozia dell’Est, un miglio fuori da Edimburgo. Giace in un estuario generato da diversi fiumi scozzesi: il River Forth è il più importante e da il nome al Firth of Forth, profonda insenatura creata nella costa orientale della Scozia. Cramond è un isola di…
    Tags: è, per, in, luoghi, abbandonati, urbex

Giuseppe Vitagliano

Imprenditore, Fotografo, Autore. 1975. Dopo aver fondato uno dei primi Circoli Letterari on-line, nel 2003, nel 2006 sono entrato come investitore in una piccola società di supporto all’IT, in breve tempo, l’ho trasformata in una società di Consulenza e Sviluppo di e-Commerce (Axot – Be Inspired) che è Partner di importanti brand di livello internazionale nei settori Fashion, Travel e Digital Photography. In una strana mattina del 2015, la vita mi ha rinfacciato, senza mezzi termini, che ogni cosa può sfuggire al nostro controllo in ogni momento. Così mi sono trovato ad affrontare un problema di salute che mi ha costretto e convinto a rivalutare e ridefinire le priorità e i valori della mia vita, rielaborare con un punto di vista serio e approfondito tutto quello che avevo fatto fino ad allora, quello che volevo ancora realizzare e quello che avrei voluto realizzare e ancora non avevo fatto. Uno dei miei più resistenti desideri era quello di pubblicare alcuni dei miei scritti (poesie, prose e racconti brevi) e mi resi conto che era giunto il momento di recuperare quella parte di me e portare a compimento quel sogno. Grazie alla spinta che questo desiderio mi ha dato, tra terapie e controlli serrati e cadenzati, sono riuscito a recuperare tutti i miei vecchi appunti, impolverati dal tempo, e, contemporaneamente anche a riprendere a scrivere. Così, dopo un intenso periodo di emotiva e fisica applicazione, sono riuscito i miei quattro libri (formato eBook e Cartaceo), disponibili su Amazon.it: - “Tracciati Emotivi – Andate e ritorni del cuore” (Italiano, Raccolta di Prose e Poesie – 2016) - “Perdenti e Devianti – Percorsi e vie di fuga dell’esistenza” (Italiano, Raccolta di Racconti brevi – 2014) - “Il Teatro della Vita – Appunti di Viaggi” (Italiano, Raccolta di pensieri e annotazioni – 2016) - “Vita in parole – Poesie del tempo” (Italiano, Raccolta di Prose e Poesie – 2016) Una volta affrontati e risolti i problemi di salute che mi avevano fisicamente condizionato in quel periodo e dopo aver portato a compimento il “capitolo scrittura” della mia vita, ho sentito forte il desiderio di cercare e sperimentare una nuova forma creativa di espressione: così ho iniziato a scattare fotografie e realizzare video, prima esplorando luoghi abbandonati e seguendo una mia vecchia passione per l’Urbex (Urban Exploration), poi viaggiando per per fotografare luoghi e paesaggi idealizzati nella mia immaginazione da quando ero un ragazzino (in particolare l’Irlanda e la Scozia) e, infine, sperimentando diversi stili e temi di fotografia. Dal 2016 nelle mie giornate è entrata anche un’altra passione: quella per la corsa, o running, come preferite chiamarlo. Continuo a correre con costanza e perseveranza, indipendentemente dal freddo, dal cado, dalla pioggia e dalla neve: in questi oltre due anni di running ho sicuramente migliorato la mia forza di volontà, dando a me stesso un ulteriore esempio del fatto che essere tenace porta sempre al risultato che ci si è prefissati. Ed è questo, dopo tutto, il messaggio che mi piace ripetermi e ripetere sempre: niente è irraggiungibile e abbiamo l’obbligo di trovare il tempo, la forza e il desiderio di alzarci, guardare più avanti e realizzare ciò che siamo e ciò che siamo nati per essere, in ogni ambito che caratterizza il nostro essere.

2 commenti

Valentina · 23 Gennaio 2019 alle 9:29

Grazie, questo articolo mi è stato molto utile 🙂

    Giuseppe Vitagliano · 1 Febbraio 2019 alle 10:11

    Ciao Valentina, grazie del commento 🙂
    Anche tu visiti luoghi abbandonati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace questo articolo? Condividilo!