Rooftopping: Urbex on Skyscrapers

Pubblicato da Giuseppe Vitagliano il

Rooftopping: Urbex on Skyscrapers | Red Bull TV | Abandoned Places | Oleg CricketRooftopping is a special branch of Urbex and a new trend also for the most reckless travelers.
It’s about visiting new cities and take photos, selfies and videos from the tallest buildings.
Not from terraces though.
These Urbexers, in fact, almost always with extreme Parkour experiences in their histories, try to get to the top of the tallest – abandoned or active – buildings, skyscrapers, huge bridges and industrial towers to take photos and videos during dangerous evolutions on the edge of these roofs or hanging in the air clinged on tubes or scaffolding.
Entry points, such as trapdoors, exterior ladders, and elevators to penthouses that open onto roofs, are usually tightly secured.
Roofers bypass locks (by lock picking or other methods), or use unsecured entry points to gain access to roofs. Once there, explorers may take photographs or enjoy the view.
It’s obviously a very dangerous activity to practice and it’s considered illegal almost everywhere.
Urban Exploration is a growing social media trend and these Urbex Photographers that scale buildings and sit on rooftops are becoming more and more famous through their Instagram Profiles and YouTube Channels.
Moreover some Web TV Series, like the Redbull TV Series “Urbex: enter at your own risk”, have given much more visibility to this kind of Urbex.
URBEX: ENTER AT YOUR OWN RISKAmong the most famous Rooftopping Urbexers we mention:
Elaina Hammeken – Former competitor of America’s Next Top Model, Elaina brings a high note of style and glamor within this purely masculine world of urban exploration.
Oleg Cricket – He came to Moscow from Siberia bringing with him the dream of becoming a stuntman. He has a great follow up on social media, with posts depicting some of the most daring and reckless explorations in the world.
Vadim Makharov and Vitaly Raskalov – This Russian duo, the undisputed star of YouTube, lets you open your mouth while you see them coming into a new construction site in Mumbai, climbing cranes and feeling atop the clouds.
Abudi Alsagoff – The Malaysian Abudi is a parkour professional with an irresistible personality. Challenge the heights and make the vertical on the famous Porthjaya Bridge in Kuala Lumpur.
David DeRueda – David is a famous French photographer with a passion for abandoned space stations in Kazakhstan.
Bryce Wilson – The well-known Bryce is no stranger to controversy: watch him as he clashes with law and stairs one of the tallest skyscrapers in Melbourne.
These Urbexers have been protagonists of the TV series “Urbex: enter at your own risk”.

URBEX: ENTER AT YOUR OWN RISKURBEX: ENTER AT YOUR OWN RISK

Rewriting the Rulebook on Urban Exploration
A group of urban explorers risk life and limb to get inside, above, and around some of the most forbidden places on Earth. As they navigate bridges, skyscrapers, and other off-limits structures, every venture through the city could be their last.

Follow by Email
Facebook
LinkedIn18
Instagram12k
Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici:
error0

Giuseppe Vitagliano

Imprenditore, Fotografo, Autore. 1975. Dopo aver fondato uno dei primi Circoli Letterari on-line, nel 2003, nel 2006 sono entrato come investitore in una piccola società di supporto all’IT, in breve tempo, l’ho trasformata in una società di Consulenza e Sviluppo di e-Commerce (Axot – Be Inspired) che è Partner di importanti brand di livello internazionale nei settori Fashion, Travel e Digital Photography. In una strana mattina del 2015, la vita mi ha rinfacciato, senza mezzi termini, che ogni cosa può sfuggire al nostro controllo in ogni momento. Così mi sono trovato ad affrontare un problema di salute che mi ha costretto e convinto a rivalutare e ridefinire le priorità e i valori della mia vita, rielaborare con un punto di vista serio e approfondito tutto quello che avevo fatto fino ad allora, quello che volevo ancora realizzare e quello che avrei voluto realizzare e ancora non avevo fatto. Uno dei miei più resistenti desideri era quello di pubblicare alcuni dei miei scritti (poesie, prose e racconti brevi) e mi resi conto che era giunto il momento di recuperare quella parte di me e portare a compimento quel sogno. Grazie alla spinta che questo desiderio mi ha dato, tra terapie e controlli serrati e cadenzati, sono riuscito a recuperare tutti i miei vecchi appunti, impolverati dal tempo, e, contemporaneamente anche a riprendere a scrivere. Così, dopo un intenso periodo di emotiva e fisica applicazione, sono riuscito i miei quattro libri (formato eBook e Cartaceo), disponibili su Amazon.it: - “Tracciati Emotivi – Andate e ritorni del cuore” (Italiano, Raccolta di Prose e Poesie – 2016) - “Perdenti e Devianti – Percorsi e vie di fuga dell’esistenza” (Italiano, Raccolta di Racconti brevi – 2014) - “Il Teatro della Vita – Appunti di Viaggi” (Italiano, Raccolta di pensieri e annotazioni – 2016) - “Vita in parole – Poesie del tempo” (Italiano, Raccolta di Prose e Poesie – 2016) Una volta affrontati e risolti i problemi di salute che mi avevano fisicamente condizionato in quel periodo e dopo aver portato a compimento il “capitolo scrittura” della mia vita, ho sentito forte il desiderio di cercare e sperimentare una nuova forma creativa di espressione: così ho iniziato a scattare fotografie e realizzare video, prima esplorando luoghi abbandonati e seguendo una mia vecchia passione per l’Urbex (Urban Exploration), poi viaggiando per per fotografare luoghi e paesaggi idealizzati nella mia immaginazione da quando ero un ragazzino (in particolare l’Irlanda e la Scozia) e, infine, sperimentando diversi stili e temi di fotografia. Dal 2016 nelle mie giornate è entrata anche un’altra passione: quella per la corsa, o running, come preferite chiamarlo. Continuo a correre con costanza e perseveranza, indipendentemente dal freddo, dal cado, dalla pioggia e dalla neve: in questi oltre due anni di running ho sicuramente migliorato la mia forza di volontà, dando a me stesso un ulteriore esempio del fatto che essere tenace porta sempre al risultato che ci si è prefissati. Ed è questo, dopo tutto, il messaggio che mi piace ripetermi e ripetere sempre: niente è irraggiungibile e abbiamo l’obbligo di trovare il tempo, la forza e il desiderio di alzarci, guardare più avanti e realizzare ciò che siamo e ciò che siamo nati per essere, in ogni ambito che caratterizza il nostro essere.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *