Cosa vedere in Irlanda del Nord in 5 giorni

Un itinerario imperdibile sulla costa dell’Irlanda del Nord

Visitare i paesaggi più belli dell’Irlanda del Nord in 5 giorni

Hai 5 giorni a disposizione e vuoi visitare l’Irlanda del Nord?

Ecco un itinerario che ho preparato e percorso io stesso la prima volta che sono stato in Irlanda, in Irlanda del Nord, per l’esattezza.

Si tratta di un viaggio fatto tra il 29 agosto e il 2 settembre.

Le foto e i video che vedrete in questo articolo sono stati realizzati da me durante questo viaggio, per questo vi indico anche i punti precisi con i link a Google Maps per poter prendere spunto da queste tappe e organizzare il vostro viaggio in Irlanda del Nord.

Mi dispiace spoilerare ma vi anticipo che la parte più spettacolare del viaggio la troverete al Giorno 3!

Giorno 1

Belfast

Arrivo a Dublino, partenza e pernottamento a Belfast presso il Balmoral Hotel.
Tra l’aeroporto di Dublino e il Balmoral Hotel ci sono 156 km, con un tempo di percorrenza di circa 1 ora e mezza.
Arrivare a Dublino durante la mattina o primissimo pomeriggio, vi consentirà di raggiungere Belfast, fare un giro per la città, anche di sera, e poi ripartire riposati la mattina successiva.

Giorno 2

Il Castello di Shane

Colazione e partenza per Shane’s Castle (43km e circa mezz’ora di auto).

Ci sono diversi motivi per visitare il Castello di Shane, oltre il fatto che si trova in un luogo assolutamente suggestivo e bellissimo da vedere e fotografare dal punto di vista paesaggistico.

Il castello di Shane, che in precedenza si chiamava Edenduffcarrick, è un castello in rovina vicino a Randalstown, nella contea di Antrim, sulle rive nord-orientali del Lough Neagh.

Questo castello di Shane è stato oggetto di molte leggende e racconti popolari: per molto tempo si è creduto che tra i suoi resti vivesse la Banshee.

La Banshee (parola che significa “donna delle fate”) è uno spirito femminile, descritto generalmente come una bella donna dai capelli fluttuanti, con indosso un vestito verde ed una mantella grigia che si aggira cantando tra paludi e fiumi.

Il Castello di Shane è anche stato protagonista della famosa serie “Il trono di spade” che negli ultimi anni ha portato alla ribalta molti luoghi stupendi dell’Irlanda, in principal modo dell’Irlanda del Nord.

Infatti qui sono state registrate molte scene: il “Torneo della Mano” in onore di Ned Stark, in cui Gregor Clegane alla fine decapita un cavallo, l’arrivo del Re Robert Baratheon a Grande Inverno e le scene nelle segrete di Aprodo del Re. Infine, le sponde del fiume Lough Neagh hanno fatto da sfondo per il viaggio di Brienne di Tarth che scortava Jamie Lannister ad Approdo del Re.

La tenuta e il Castello di Shane vengono utilizzati come location per eventi, feste, matrimoni e servizi fotografici.

A questo link, la pagina ufficiale della società che lo gestisce, potete trovare la storia completa del Castello: http://www.shanescastle.com/?q=about

Dopo esservi concessi un paio d’ore per visitare questo splendido castello e i suoi dintorni, siete pronti per partire per un altro luogo altamente suggestivo.


The Dark Hedges

The Dark HedgesThe Dark Hedges è uno dei luoghi più fotografati d’Irlanda: quanti di voi hanno visto on-line quelle splendide e mistiche immagini di alberi ricurvi a formare una galleria naturale? E magari qualcuno ci ha visto anche dei cavalli cavalcare sotto?

Bene, The Dark Hedges, come vedete dalla foto, è esattamente quel posto!

Dallo Shane’s Castle a The Dark Hedges ci sono 53km, circa 45 minuti d’auto; vi assicuro che anche il tragitto è uno spettacolo da lasciare senza parole.

The Dark Hedges è una strada costeggiata da due file di maestosi faggi piantati dalla famiglia Stuart nel 1775 per esaltare e rendere unico l’ingresso della loro dimora Gracehill House.

The Dark Hedges Backstage

Questo luogo è diventato molto conosciuto al grande pubblico da quando in Game of Thrones con il nome di “Kingsroad” è apparso durante la fuga di Arya e Gendry da Approdo del Re, alla fine della seconda stagione “The North Remembers”.

In origine, c’erano circa 150 alberi lungo The Dark Hedges. Ora ce ne sono circa la metà e le stime su quanto tempo abbiano ancora da vivere questi alberi mi spingono a consigliarvi di andarci prima possibile: stanno infatti arrivando alla fine della loro vita, dato che normalmente i faggi sopravvivono circa 250 anni e questi ne hanno probabilmente almeno 240.

Qui potete vedere la scena de “Il Trono di Spade” in cui si vedono i Dark Hedges:

Una vista sull’oceano sulla Carrickmore Road

Carrickmore Road, Irlanda del NordA questo punto vi consiglierei di spostarvi verso Carrickmore Road, a Ballycastle, dove potrete fare una breve e rilassante camminata per gustare della vista dell’oceano.

Potete raggiungere in macchina Maguire’s strand caravan park II (ecco il link alla posizione su Google Maps https://goo.gl/maps/Cu3KxUhxAaUQi47p8 ), parcheggiare e camminare fino alla fine di questa strada tenendo l’oceano alla vostra sinistra.

Si tratta di una ventina di minuti di camminata, ne vale la pena. Si arriva fini alla fine di questa strada dove c’è la casa di qualcuno che non conosco ma che reputo la persona più fortunata del mondo ad abitare là 😊 (potete vederlo dalla foto di Google Maps, nella mia foto qui accanto e nel video che ho realizzato con il Drone durante questo viaggio, che trovate qui e in fondo alla pagina).

Io ho passato la notte al Tara House, a 4 km da qui. Mi sono trovato davvero bene, quindi ve lo consiglio.

Giorno 3

Kinbane Castle Irlanda del NordKinbane Castle

Dopo una buona colazione, vi servirà per la camminata del pomeriggio, potete partire per andare a visitare il Kinbane Castle.

Il Castello di Kinbane (Caislen Ceinn Bán, White Head Castle, Kenbane Castle) è a soli 5km dal Tara House, sulla strada per Ballintoy, sempre nella contea di Antrim, su un promontorio calcareo lungo e stretto che sporge nel mare. Il nome Kinbane significa “testa bianca” e si riferisce al calcare bianco su cui sorge il castello. Non rimane molto in effetti del castello e il sentiero che lo conduce è stretto ma si tratta di un monumento storico e offre una vista spettacolare sull’isola di Rathlin.

Il ponte di corda di Carrick-a-Rede

Il Ponte di Corde Carrick-a-RedeDopo aver lasciato il Castello di Kinbane, dirigetevi verso il Carrick-a-Rede Rope Bridge, il famoso ponte di corda di Carrick-a-Rede che è una delle attrazioni turistiche principali dell’Irlanda del Nord. Sono solo 7 km di distanza, circa 10 minuti di auto.

Si trova nel tratto di costa vicino al villaggio di Ballintoy ed è un ponte sospeso in corda che collega un isolotto, Carrick Island, alla terraferma.

È lungo 20 metri, fissato ad una scogliera molto suggestiva ad un’altezza di circa 30 metri. Dall’isolotto si possono ammirare l’isola di Rathlin e le coste della Scozia. Tutta l’area circostante è di grande interesse scientifico per la sua unicità geologica e per le specie animali e vegetali presenti.

Questo ponte fu costruito dai pescatori di salmoni per collegare la terraferma a Carrick Island, oltre 350 anni fa, che ritenevano un punto più ricco di pesce.

Non vi preoccupate, nessuno è mai caduto dal ponte, ma devo dire, come si vede poi anche nel mio video, che ho avuto un po’ di paura quando è stato il mio turno di attraversarlo sia perché soffro di vertigini, sia perché il vento soffiava forte e vi assicuro che il ponte ballava (e l’altezza è molta, almeno per me) 😊

Ballintoy Harbour

Ballintoy HarbourA soli 3km trovate il Porto di Ballintoy, (Ballintoy Harbour, appunto).

Il porto di Ballintoy lo troverete nel pittoresco villaggio di Ballintoy.

Conosciuta come la “spiaggia rialzata”, il piccolo porto peschereccio si trova alla fine di una stradina stretta e ripida che scende da Knocksaughey Hill. Il villaggio stesso, che dista solo un chilometro dal porto, ha alcuni piccoli negozi caratteristici, due chiese, tra cui la pittoresca Chiesa Parrocchiale bianca di Ballintoy sulla collina sopra il porto. Si tratta della sosta perfetta per chi cerca di assaporare l’essenza vera della vita rurale irlandese.

Anche il porto di Ballintoy è stato usato come location per le riprese della serie HBO “Il Trono di Spade”: la sua posizione, infatti, è stata ritenuta perfetta per le riprese esterne di Pyke e per le Isole di Ferro.


La spettacolare camminata lungo la Causeway Coastal Route fino alla Giant’s Causeway (10km)

Causeway Coastal RouteAndando verso il parcheggio di auto a ridosso del Ballintoy Harbour (eccolo su Google Maps) potete trovare l’inizio di un percorso mozzafiato, il più bello di quelli che ho fatto in Irlanda le varie volte che ci sono stato, perfino migliore di quelli più turistici come quello sui Cliffs of Moher.

Si tratta dell’antico sentiero che passa a ridosso del mare tra scogli, sassi, prati, spiagge isolate e bellissime.

È un percorso abbastanza “avventuroso” nella prima parte, i primi due chilometri, perché si passa proprio sotto le scogliere, camminando in alcuni punti proprio sulle rocce che sono nel mare e poi diventa agevole perché si camminerà tra spiagge e bordi di scogliere.

Come dicevo, arrivate al parcheggio che vedete nel link a Google Maps e prendete la stradina in riva al mare, così come indico nella freccia gialla nella foto qui.

Accesso alla Causeway Coastal Route
Come accedere alla Causeway Coastal Route

A questo punto iniziate a camminare lungo la costa e camminate, camminate, guardatevi intorno e godete dello splendido paesaggio in cui potete ammirare la forza del mare, l’imponenza di alcune scogliere, gli strepitosi prati verdi e spiagge dorate che attraverserete.

È un percorso di 10 km che vi porterà alla Giant’s Causeway passando per:

  • The Elephant Rock, una splendida roccia che ricorda un elefante di profilo
  • la Whitepark Bay Beach, una spiaggia incantevole con una sabbia dorata, un’acqua cristallina e con a
    corredo un scenario di montagne e scogliere intorno
  • Portbradden Harbour, un piccolo villaggio di poche case incastonate nella roccia che sembra uscito dalle favole
  • Dunseverick Castle, le suggestive rovine di Rovine di una torre al centro di un picco con intorno una piccola valle e ai lati due insenature che affacciano sul mare.

    Causeway Coastal Route

È conveniente affrontare questo percorso in una giornata senza vento e pioggia, come è successo a me, e nel

periodo estivo.

Raccomando di iniziare il percorso non più tardi delle 12, 12:30 per evitare di arrivare alla Giant’s Causeway troppo tardi, come è capitato a noi, ed essere costretti a cercare un Taxi che riportasse al parcheggio dove avevamo lasciato l’auto ( https://goo.gl/maps/hfPzZNMgx7Lhv2hj9 ), dato che gli autobus smettono di partire dalla Giant’s Causeway nelle due direzioni alle 19.

Causeway Coastal Route

In alternativa si può seguire la strada asfaltata costiera che, anche se non darà lo stesso tipo di sensazioni, vi farà comunque godere di viste senza eguali.

Uno degli aspetti più belli di questa lunga camminata (che è abbastanza faticosa considerato i vari sali-scendi e alcuni tratti, soprattutto a inizio percorso, un po’ impegnativi), è che arriverete alla Giant’s Causeway dall’alto: una vista davvero strepitosa, che lascia senza fiato.

La Giant’s Causeway

Giant's Causeway Giant's CausewayLa Giant’s Causeway è un luogo in cui storia e leggenda si intersecano e sovrappongono.

Gli esperti ritengono che questa incredibile paesaggio geologico si sia costituito a seguito di attività vulcaniche più 60 milioni di anni fa, mentre le leggende irlandesi danno origini più epiche a questo luogo.

Infatti si racconta dell’impresa del mitologico guerriero e cacciatore irlandese Fionn Mac Cumhaill che avrebbe costruito un sentiero di rocce per raggiungere a piedi la Scozia per combattere contro il suo rivale, Benandonner. Benandonner lo distrusse e così nacque il Giant’s Causeway.

Si tratta di un luogo di straordinaria bellezza, da non perdere.

 

Giorno 4

Mussenden Temple

Mussenden TempleDopo una buona nottata di riposo per riprendersi dalle fatiche della camminata del giorno precedente e una abbondante colazione, si parte in direzione del Mussenden Temple, a 32 km di auto, circa 40 minuti di percorrensa.

Neanche a dirlo, anche questo è un luogo davvero suggestivo e con una vista incredibile.

Il tempio di Mussenden (Mussenden Temple in inglese) è un monumento a pianta circolare situato nella tenuta di

Mussenden Temple

Downhill. La sua particolarità principale sta nella sua posizione: si trova infatti a picco sull’Oceano Atlantico, in

un tratto costiero formato da scogliere di basalto, isolato dal resto della tenuta.

Costruito nel 1785, fa parte della grande tenuta di Frederick Augustus Hervey, vescovo di Derry e 4º conte di Bristol. Originariamente adibito a biblioteca, deve il suo nome al cugino di Hervey, Frideswide Mussenden, alla cui memoria è dedicato.

Old Bushmills Distillery

Old Bushmills DistilleryDopo giorni spettacolari ed entusiasmanti immersi nella natura, chiudiamo il giro con la Bushmills Distillery e un giro a Derry.

Guidando verso Bushmills, potrete visitare la Old Bushmills Distillery, la più antica distilleria irlandese che produce uno dei migliori e più rinomati whiskey irlandesi.

Old Bushmills Distillery

La Bushmills Distillery è nata nel 1608 e durante il tour all’interno si possono vedere ancora gli antichi macchinari per la distillazione.

Guide competenti e molto chiare spiegano tutto il procedimento necessario alla produzione di questo ottimo whiskey, aiuteranno a sentire gli odori della distilleria, del malto e dei suoi diversi invecchiamenti, e il giro si concluderà con una degustazione dei vari tipi di whiskey prodotti per capire le differenze tra un l’uno e l’altro.

Senza ubriacarvi, che dopo si torna in macchina 😉

Derry (o Londonderry)

Derry (Londonderry) Derry (Londonderry) Derry (Londonderry)

 

 

 

 

 

 

A questo punto, rimettetevi in auto e dirigetevi verso Derry, la città simbolo delle lotte interne che per molti anni hanno insanguinato l’isola irlandese (i Troubles) e che sono culminati nel tristemente famoso Bloody Sunday del 30 gennaio del 1972, quando durante una manifestazione pacifica per i diritti civili e l’accesso alle cariche pubbliche, la polizia protestante sparò sulla folla inerme uccidendo 13 civili cattolici.

A differenza della sua storia, però, la città di Derry è un posto molto vivo, frizzante, caratteristico: case color pastello, guglie di chiese, ripide stradine e le splendide mura medievali che circondano il centro storico.

A Derry, bisogna solo scendere in strada, camminare e vivere qualche ora tra le sue strade e i suoi locali.

Giorno 5

Ritorno a Dublino e partenza.

 

Ed ecco il video che ho realizzato durante il viaggio e che potete trovare anche sul mio canale YouTube:

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici:
error0

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *